Domande 126


voti

[Average: 5]

Domande Psicologiche

In questa sezione dedicata alle domande psicologiche, puoi chiedermi un parere sui tuoi disturbi.

Manterrai l’Anonimato e potremo scambiarci alcune opinioni se desideri.

Risponderò alle tue domande in breve tempo.

Chiedi alla Psicologa

Puoi mantenere la tua privacy in modo semplice e veloce: inserendo un nome.

La tua email non sarà visibile resterai anonima, o anonimo. Si vedrà solo il tuo nome, che può essere anche di fantasia.

 

 

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

126 commenti su “Domande

  • Anna

    Buonasera, vorrei chiedere una cosa sulla terapia breve. Soffro da diversi anni di insonnia con frequenti risvegli notturni dovuti alle mie preoccupazioni. Spesso assumo anche farmaci per dormire, ma vorrei distaccarmi dai farmaci ed iniziare una terapia diversa. Cosa ne pensa? La terapia strategica potrebbe aiutarmi?

  • Federica

    Buonasera dottoressa, vorrei chedere se esiste una terapia breve per chi come il mio ragazzo ha avuto un trauma scolastico a causa della Pandemia.
    La ringrazio se vorrà rispondermi.

    • teresa

      Buongiorno Federica,
      Le confermo che la terapia breve strategica può efficacemente sbloccare le situazioni di blocco scolastico causate, come in questo momento specifico, dalla pandemia.
      Mi può contattare telefonicamente al numero 331-9122998 per ricevere ulteriori informazioni.
      Saluti
      TC

  • Silvia

    Buonasera dottoressa. Vorrei porle un quesito. Sono mamma da 13 anni e sto avendo grossi problemi a gestire la situazione a casa con mia figlia. Da quando è iniziata la Pandemia non riesco più a farla uscire con tranquillità. Ha più paura di me a contrarre il Covid. In più a Scuola non riesco a farla andare sempre. Spesso trova scuse per non andarci e resta in casa. Cosa mi consiglia di fare? Da dove devo cominciare?
    La ringrazio in anticipo.

    • teresa

      Buonasera,
      La terapia breve strategica può essere molto indicata per le difficoltà che vive sua figlia.
      L’evitamento delle situazioni temute purtroppo, paradossalmente, amplifica la percezione di paura.
      Sarebbe auspicabile guidarla nel cercare di affrontare il più possibile la vita per permetterle di ritrovare la fiducia perduta.
      È possibile guidarla in questo, provi a proporle di fare qualche incontro insieme con me.
      Lascio il mio recapito telefonico: 3319122998.
      Saluti
      TC

  • Mariabruna

    Buonasera dottoressa, ho sentito parlare della Terapia Strategica e vorrei capire se è vero che bastano poche sedute per risolvere un disturbo. Inoltre una mia amica mi ha detto che può succedere di stare meglio anche dopo 2 o 3 incontri, ma è vero tutto cio? Ho un problema con mio marito che vorrei risolvere nel più breve tempo possibile, e vorrei sapere se la psicoterapia breve strategica è efficace e veloce anche per le coppie. Grazie per la sua attenzione.

    • teresa

      Buongiorno,
      La terapia breve strategica può essere molto efficace anche per le difficoltà di coppia e può aiutare in un lasso di tempo breve a superare il problema.
      Solitamente, già dopo i primi incontri, si sperimenta un primo miglioramento che poi va naturalmente consolidato.
      Ci sono inevitabilmente situazioni che richiedono un percorso più lungo ma resta comunque un approccio più pragmatico e non infinito.
      Saluti
      TC

  • Manu

    Salve dottoressa, secondo lei è possibile che la pandemia porti a una specie di non voler fare nulla. Il caso specifico è mio marito. Lui è sempre stato un tipo dinamico e volenteroso, ma dopo il 2020 sembra trasformato. È diventato lento, quasi senza iniziativa, e molto pigro e pesante nelle cose da fare, ha come un’apatia per tutto. Cosa ne pensa.

    • teresa

      Buongiorno,
      Purtroppo si, questo periodo faticoso porta con sé queste sensazioni e atteggiamenti, la nostra bravura sta nell’accogliere anche questi momenti e nel riorganizzarci al meglio per evitare di perdere la nostra bussola interiore.
      Ricevere un sostegno psicologico soprattutto in questo momento può essere molto utile, ne parli con suo marito.
      Mi contatti pure telefonicamente per ulteriori informazioni.
      Saluti
      TC

    • teresa

      Si, certamente, può essere utile lavorare anche con la fascia d’età avanzata. Naturalmente la condizione necessaria è che ci sia la motivazione diretta del paziente da trattare.
      Resto a disposizione per ulteriori informazioni, se ne ha bisogno.
      Saluti
      TC

  • Emanuela

    Buongiorno dottoressa, le vorrei chiedere un consiglio per mia figlia. Ha 14 anni e purtroppo non le va di studiare con la didattica a distanza. Quando andava a scuola non c’era nessun problema, anzi lo faceva anche volentieri. Da quando le cose le hanno modificate e spesso deve seguire le lezioni da casa è cambiato tutto. Non so se è stata questa la causa scatenante o un’altra, ma mia figlia non è più come prima. Secondo lei cosa posso fare? Cosa mi consiglia?

    • teresa

      Buon pomeriggio Emanuela,
      La situazione emotiva che vive sua figlia è molto simile a quella dei suoi coetanei in questo periodo così faticoso e complicato, dove tutto è in riorganizzazione.
      Questo momento richiede da parte di ognuno grande flessibilità e capacità di adattamento e, soprattutto per un adolescente, non è così semplice.
      Se sua figlia è d’accordo, potremmo organizzare qualche incontro e lavorarci insieme.
      Saluti
      TC

  • Maria Carmela

    Buonasera dottoressa, la contatto per un problema con mio figlio. Già prima della Pandemia era spesso al cellulare e dovevo ridurre il tempo in cui era fisso allo schermo. Ma di rifiutava di mangiare e restava nella sua stanza. Allora gli concedevo qualche minuto in più, ma la cosa non cambiava, perché ogni giorno chiedeva sempre più tempo. Così ho preso una decisione drastica e gliel’ho tolto per 2 giorni, le lascio immaginare cosa è potuto succedere.
    Alla fine ho continuato a darglielo per un paio d’ore.
    Lui però sta male quando glielo tolgo di mano e non so più come fare.
    Cosa mi consiglia.

    • teresa

      Buongiorno,
      Leggo adesso la sua richiesta, le confermo che si può lavorare efficacemente sulla situazione da lei descritta, anche attraverso un approccio di terapia indiretta (attraverso i genitori) poiché la psicoterapia breve strategica prevede valide strategie di sblocco per gestire comportamenti inadeguati come questo.
      Mi contatti pure telefonicamente e ci accordiamo,
      Saluti
      TC

    • teresa

      Buongiorno,
      La terapia breve strategica è molto efficace con i bambini, attraverso la modalità di terapia indiretta.
      Mi può contattare telefonicamente e le spiego, saluti.
      TC

    • teresa

      Buonasera Annalisa,
      Le confermo che la terapia breve strategica può essere particolarmente indicata per la difficoltà da lei descritta poiché adotta delle strategie efficaci di soluzione che mirano in tempi brevi a smontare il meccanismo di dipendenza.
      Mi può contattare telefonicamente per fissare un appuntamento,
      Saluti
      TC

  • Rosita

    Buongiorno dottoressa, ho letto molto di lei e ho parlato con gente che l’ha conosciuta, e tutti ne parlano molto bene. Vorrei iniziare un percorso con lei anche se forse non è un buon momento per tutti. Ho visto che fa lezioni anche online e per questo la mia domanda è: secondo lei fare una psicoterapia online può avere la stessa efficacia di quella fatta di persona? E poi, ritiene opportuno conoscere almeno la prima volta la persona dal vivo, o invece non c’è problema ad intraprendere il percorso via Skype? Ho letto anche da altre parti che lo psicologo via skype può essere un’alternativa molto valida ma devo ammettere che non ho mai provato a farlo. Cosa ne pensa? Le sarò molto grata se mi risponde..

    • teresa

      Buongiorno Rosita,
      Confermo che la terapia via Skype è un validissimo metodo psicoterapico efficace al pare della psicoterapia di presenza. Stiamo vivendo un momento faticoso e non possiamo mettere da parte la nostra salute emotiva pertanto è importante e necessario adesso sfruttare la tecnologia a nostro vantaggio.
      Innegabilmente possono esistere delle situazioni in cui è preferibile la terapia di persona/conoscere per la prima volta la persona dal vivo ma sarò io stessa a valutare e a orientarla in questo.
      Le lascio il mio recapito telefonico per altre informazioni: 3319122998.
      Saluti
      TC

  • michele

    buona sera dott.ssa Calenzo, sono un ragazzo di 28 anni molto timido e soffro di ansia sociale, a causa di questo problema non riesco ad intraprendere nessuna attività, sono in un punto fermo da quando ho finito le scuola superiore. Posso guarire in tempi brevi?

  • michele

    buonasera dottoressa Calenzano, sono un ragazzo di 28 anni timido, ho paura delle situazioni sociali e quindi soffro da molto tempo di ansia sociale. A causa di questo problema da quando ho finito la scuola superiore non ho intrapreso nessun’altro percorso. Posso guarire ?

    • teresa

      Buongiorno Michele,
      Può tranquillamente ed efficacemente superare questa sua difficoltá in tempi brevi. La terapia breve strategica propone delle indicazioni specifiche per ogni situazione e potrebbe aiutarla a superare con successo questo momento di blocco che sente.
      Le lascio il mio recapito telefonico: 3319122998.
      Saluti
      TC

  • Maria

    Buongiorno dottoressa Calenzo,
    Sono una ragazza di 32 anni e purtroppo ancora vergine…..sono fidanzata da tanti anni, ma purtroppo non riesco ad avere rapporti in quanto ogni volta che ci proviamo mi blocco al momento della penetrazione. È come se avessi paura del dolore o non so di che. Ciò sta diventando insostenibile….cosa posso fare?

    • teresa

      Buongiorno,
      Leggo adesso la sua richiesta.
      È assolutamente superabile ciò che sta vivendo ed ha una forte componente emotiva che può essere affrontata con efficacia.
      Può contattarmi telefonicamente al numero 3319122998 e insieme possiamo lavorarci.
      Un saluto
      TC

  • lara

    Buongiorno dottoressa Calenzo. Ho una domanda sul periodo estivo da fare. E’ vero che gli amori in estate possono finire più facilmente che in inverno?. Esiste una spiegazione psicologica a questo fenomeno?

  • Ileana

    Gentile Dott.ssa Calenzo,
    sono una ragazza del nord che sta vivendo una relazione a distanza con un ragazzo del sud da qualche mese.
    All’inizio andava tutto bene, ma ora la sua gelosia sta creando problemi…Mi sto facendo un po’ di domande… questa sua gelosia sarà in questo momento amplificata per la distanza o devo aspettarmela anche dopo? In un futuro insieme… Sono confusa…grazie, Ileana

    • teresa

      Salve Ileana,
      Purtroppo non è definibile in anticipo questo poiché la comunicazione in una coppia si definisce anche sulla base di situazioni esterne come vivere l lontananza. Ci si può ad ogni modo lavorare su questo, anche in modo molto efficace.
      Se desidera mi può contattare telefonicamente al numero 3319122998.
      Saluti
      Tc

  • pamela

    Buongiorno dottoressa Calenzo, vorrei chiedere una cosa sull’atteggiamento del mio compagno. Siamo insieme da 6 anni ma negli ultimi tempi lo vedo molto cambiato, è silenzioso, ha la testa da un’altra parte e praticamente non abbiamo quasi più dialogo.
    Lui mi dice che non è nulla, ma lo so che non è così. Secondo lei sarebbe il caso di approfondire con un incontro.

    • teresa

      Buongiorno,
      Sarebbe auspicabile cercare di capire la motivazione dei comportamenti del suo compagno.
      Pertanto, se fosse disponibile, fare una seduta può essere utile.
      Mi può contattare telefonicamente al numero 3319122998.
      Saluti
      TC

  • Veronica

    Buona sera dottoressa vorrei chiedere un consiglio è possibile che dopo una perdita cara di un parente stretto si possa avere un blocco sessuale?

    • teresa

      Salve,
      Ci potrebbe essere una correlazione ma può essere verificata solo attraverso il colloquio clinico in seduta.
      Se desidera, mi può contattare telefonicamente al numero: 3319122998.
      Saluti
      TC

  • Mariana

    Buonasera dottoressa, avrei una domanda da porle.

    Dopo il Coronavirus siamo tutti più stressati anche se ancora è difficile ritornare alla vita di prima.

    La mia domanda è questa: potrebbe far bene una vacanza di questi tempi, cioè vorrei chiederle dove consiglia o come consiglia di fare una vacanza per uscire dall’oppressione del virus? Mi piacerebbe conoscere il suo punto di vista…

    • teresa

      Buongiorno,
      Leggo adesso la sua richiesta.
      Direi che iniziare a progettare la “normalità”può aiutare naturalmente a scrollarsi da dosso tutto questo periodo faticoso.
      Tutti abbiamo l’esigenza di riorganizzare le nostre vite in modo soddisfacente, anche concedendosi una vacanza, nei limiti del possibile.
      Un saluto
      TC

  • Bruna

    Buonasera dottoressa, la contatto dal suo sito per chiedere una cosa importante.
    Ho una ragazza di 11 anni che già prima del coronavirus era molto restia ad uscire e fare caciara con le altre amiche. E’ una ragazza introversa e ha paura di molte cose. Da quando è arrivato questo benedetto virus si è rinchiusa ancora più in se stessa. Ora ha molta paura di uscire, come una fobia degli altri. Penso che teme di prendere anche lei il virus.
    Io le ho spiegato che non è così facile il contagio, ma non vuole sentire ragioni, e mi ha detto che fino a quando non sarà sicura al 100% non vuole più uscire con le altre persone. Per lei è normale?, può essere un problema psicologico? Devo chiedere il suo aiuto per venirne fuori?
    La ringrazio in anticipo se mi vorrà rispondere.

    • teresa

      Buonasera,
      La ragazza non può evitare a lungo il mondo esterno, quindi va inevitabilmente aiutata ad affrontarlo.
      Può contattarmi telefonicamente al numero 3319122998 e le darò tutte le informazioni.
      Saluti
      TC

  • Nicla

    Buongiorno dottoressa, sono desidero sapere se effettua terapie per la coppia anche via telematica.
    Ho urgenza di parlare con lei di un problema e non so come fare.

    • teresa

      Buongiorno,
      L’approccio strategico appartiene alle terapie brevi e solitamente ha una durata inferiore alle 20 sedute.
      Per alcune tipologie di problemi, ad esempio disturbi fobici / ossessivi, la durata media si attesta sulle 7-10 sedute.
      Naturalmente, tutto da calzato ad hoc, ogni difficoltà è a sé.
      Saluti
      TC

  • Francesca

    Buongiorno dottoressa, ho bisogno di una consulenza. Il mio è un problema molto particolare. Non riesco a stare in casa, e capisce bene che in questi tempi è proprio difficile uscire.
    Come posso star bene e mantenere la calma durante il virus? Lei potrebbe aiutarmi?

    • teresa

      Buonasera,
      Leggo adesso la sua richiesta e le confermo che è certamente possibile fornirle delle utili dritte su come gestire questo momento così delicato.
      Mi può contattare telefonicamente al numero 3319122998 e ci accorderemo,
      Un caro saluto
      TC

  • Ela

    Buonasera dottoressa, il mio caso è molto particolare e avrei una domanda da porle.
    Sono giorni che ormai siamo chiusi in casa ma la mia situazione era già non buona. Mi sto lasciando con mio marito e non si fa altro che litigare. Dato che non sappiamo ancora come ne usciremo dal coronavirus e gli avvocati sono fermi sento il bisogno di parlare con qualcuno dei miei problemi.
    Per qualcuno intendo uno psicologo, a Matera o in Basilicata, che può ascoltare e consigliarmi le scelte o i comportamenti da avere in casa. Non sono piccoli problemi di coppia, ma problemi molto più seri.
    Ho letto che offre anche servizio online. Come posso contattarla per spiegare la mia situazione?

    • teresa

      Buonasera,
      Leggo adesso la sua richiesta.
      Mi può contattare direttamente telefonicamente al numero 3319122998 in modo da poterci confrontare e fissare un appuntamento per poterle fornire le dritte di cui necessita in questa situazione.
      Saluti
      TC

  • Flo

    Buongiorno, dottoressa, lo so che potrei sembrare stupida, ma da quando sono sempre in casa litigo spesso con il mio compagno. Lui non lavora e io, che inisegno, non vado a scuola. Vorrei avere da lei qualche consiglio su cosa poter fare per evitare di litigare così tanto. Temo che la cosa ci stia sfuggendo di mano, e che quando il coronavirus sarà passato anche il nostro rapporto sia irrecuperabile.
    La ringrazio anticipatamente, Flo.

    • teresa

      Buonasera Floriana,
      Questo periodo così delicato è sicuramente faticoso, soprattutto per le coppie.
      Sì rende necessaria una riorganizzazione di spazi, ruoli, regole condivise, negoziazione delle dinamiche relazionali e comunicative.
      Molte coppie stanno vivendo difficoltà simili, ci si può lavorare efficacemente.
      Le lascio il mio recapito telefonico 3319122998 per ricevere ulteriori informazioni e un appuntamento per poterle fornire delle linee guida per fronteggiare la situazione che le sta creando disagio.
      Un caro saluto
      TC

  • Saretta

    Buongiorno, volevo chiedere come faccio a mangiare meno durante questi giorni di chiusura?
    La quarantena da coronavirus mi mette in testa una vera mania per il cibo.

    • teresa

      Buonasera Sara,
      Questo momento di reclusione obbligata pone l’accento sul rapporto col cibo e l’alimentazione io generale.
      Si ricorre al cibo spesso per noia e assenza di attività, obiettivi o ritmi quotidiani.
      È possibile ricevere dritte su come riorganizzare la sua quotidianità in questo momento particolare ed evitare che sia solo il cibo in primo piano, ma affiancato invece da altri piaceri.
      Le lascio il mio recapito telefonico per ulteriori informazioni e fissare eventualmente un appuntamento.
      Saluti
      TC

  • Cinzia

    Buongiorno dottoressa ho letto sul sito internet che fa terapia via skype.
    E data la situazione è un’ottima iniziativa.
    Volevo chiedere se le terapie sono individuali o di gruppo.

    • teresa

      Buonasera Cinzia,
      Leggo adesso la sua richiesta.
      Le sedute on line sono individuali e nel rispetto della tutela della privacy, oppure è possibile svolgere anche terapie di coppia.
      Questo periodo faticoso ci impone di riorganizzarci e sfruttare a nostro vantaggio la tecnologia, come le videosedute. Utilizzo Skype da tempo per seguire persone che si trovano all’esterno e lo trovo un valido ausilio.
      Resto a disposizione,
      Un caro saluto
      TC

  • Maria Giovanna

    Buongiorno dottoressa, vorrei chiedere se è possibile fare anche una chiamata da whatsapp per alcune delucidazioni.
    Ho un figlio che sta tutto il giorno in casa. A causa del virus non sta uscendo e mi chiedevo se posso avere una consulenza dato che mangia in continuazione.
    Potrebbe aiutarmi con le sue terapie.

    • teresa

      Buonasera Maria Giovanna,
      Leggo adesso la sua richiesta e le confermo che è possibile svolgere la seduta tramite videochiamata whatsapp se non è possibile con Skype, con la giusta privacy è un valido ausilio, lo utilizzo già da tempo.
      È possibile fare una seduta in cui mi spiega la situazione e potrei fornirle delle indicazioni o linee guida per la situazione di suo figlio.
      Lascio il mio recapito telefonico per informazioni o fissare un appuntamento: 3319122998.
      Un caro saluto
      TC

  • Benedetta

    Buongiorno dottoressa, spero mi possa aiutare. Da quando c’è in giro il Coronavirus mi faccio prendere dal panico quando devo uscire per fare la spesa. E poi devo dire anche un’altra cosa, prima della pandemia ero maniaca della pulizia, può immaginare adesso come reagisco quando rientro a casa o rientra mio marito e devo disinfettare tutto.
    Lo ammetto che spesso sarò esagerata ma non riesco a controllarmi. Ho letto sul suo sito internet che effettua anche consulenze online. Penso per ovvi motivi legati al virus.
    Vorrei chiederle se per i miei problemi posso interfacciarmi con lei e come funziona la terapia psicologica via skype.
    La ringrazio.

    • teresa

      Buon pomeriggio Bedenetta,
      Leggo adesso la sua richiesta e le confermo che svolgo terapie on-line e che la difficoltà da lei indicata può essere efficacemente affrontata con la terapia breve strategica.
      Se desidera ricevere ulteriori informazioni o fissare un appuntamento, potremmo sentirci telefonicamente, le lascio il mio recapito telefonico 3319122998, anche questa sera alle 19:00.
      Il momento che viviamo è complicato ma rappresenta anche una opportunità per lavorare sulle proprie difficoltà.
      Un caro saluto
      TC

  • Roberta

    Buongiorno dottoressa, vorrei sapere se è possibile cominciare una terapia via skype, viste le restrizioni per il coronavirus. E se in questo modo la terapia è comunque efficace come dal vivo.

    • teresa

      Buongiorno Roberta,
      Ho appena ricevuto la sua richiesta e le confermo che è possibile iniziare un percorso tramite skype, l’efficace è la medesima, è uno strumento che utilizzo da tempo per seguire alcune persone che vivono all’estero, in questo periodo così particolare è necessario trarre vantaggio dalla tecnologia a nostro favore.
      Mi può contattare telefonicamente al numero 3319122998 per organizzare un appuntamento e ricevere informazioni. Inoltre, può accennarmi alla sua difficoltà in modo da poterle dare un’ulteriore conferma d’efficacia tramite Skype.
      Esistono solo un paio di problematiche che risultano meno indicate per le video sedute.
      Un caro saluto
      TC

    • teresa

      Buongiorno Imma,
      Purtroppo questo periodo collettivo così faticoso ci obbliga a fare i conti con nuovi equilibri da costruire, nuove regole da ristabilire e una convivenza H24, a cui non è abituata.
      Dia uno sguardo al mio sito https://www.teresacalenzo.com o alla mia pagina facebook Psicologa psicoterapeuta Matera, troverà degli spunti.
      Saluti
      TC

  • Andreina

    Gentile dottoressa Calenzo vorrei chiederle una cosa sulla terapia strategica.
    È vero che si possono avere buoni risultati già da subito?
    Sono della provincia di Matera e ho trovato il suo metodo molto interessante.
    Complimenti per il blog.

    • teresa

      Buon pomeriggio Andreina,
      Come avrà avuto modo anche di leggere, le confermo che questa tipologia di approccio può fornire risultati fin da subito, naturalmente è tutto da calzare sulla persona, sulla tipologia di difficoltà, sull’impegno nel seguire le indicazioni che vengono suggerite (spesso molto semplici).
      Solitamente nel mio lavoro riscontro questa efficacia a breve termine. Ognuno vive un “incendio” interiore che vuole spegnere nel più breve tempo possibile pertanto lavoro sul presente attraverso strategie risolutive adattate ad ogni singola persona che si rivolge a me.
      Se desidera avere maggiori informazioni o chiarimenti mi può contattare al numero 3319122998.
      Saluti
      TC

  • Angelina

    Buongiorno dottoressa. Secondo lei è normale che dopo il secondo figlio ho già voglia di una terza gravidanza?
    E’ un periodo che mi sembra che i figli non mi bastano. Cosa posso fare?

  • Marinella

    Buongiorno dottoressa, vorrei sapere se per lei è consigliabile regalare un cane ad un bambino disabile.
    Cosa ne pensa? Potrebbe essere anche un aiuto psicologico per lui?

  • Felicetta

    Buongiorno dottoressa, vorrei porle una domanda.
    Durante le feste di Natale che sia da sola o con i parenti, avverto spesso una sensazione di tristezza. Non so da cosa nasce ma mi succede ogni anno.
    Tengo a precisare che ciò avviene solo ed esclusivamente nel periodo natalizio e dura circa un mese.
    Secondo lei da cosa può dipendere?
    È normale?

    • teresa

      Buongiorno,
      Ho letto adesso il suo quesito e provo a risponderle dal mio punto di vista.
      Le festività natalizie rappresentano sempre una sorta di “bilancio” dell’anno trascorso e una proiezione verso quello che verrà dove tutti parlano di “buoni propositi”. È dunque questo il periodo in cui ci si confronta e sofferma di più su noi stessi e sulle nostre eventuali mancanze, insoddisfazioni, debolezze o vulnerabilità. Tante persone vivono questi momenti con una sensazione di maggiore tristezza. Spesso però poi così come viene così se ne va.
      Se sente l’esigenza di chiarirsi, di avere un confronto professionale, può valutare di fissare un incontro. Le lascio il mio recapito telefonico: 3319122998.
      Saluti
      TC

  • Nadia

    Buongiorno dottoressa, vorrei sapere se effettua visite anche per problemi di dipendenza da cellulare.
    Avrei bisogno di una grande mano per mia figlia.

    • teresa

      Buonasera Nadia,
      Le confermo che ci si può efficacemente lavorare in tempi brevi ma è importante per me sapere se sua figlia è disponibile a farsi aiutare. Molto spesso questo “abuso” da cellulare è il sostituto di altro, di insicurezze soprattutto relazionali, di disagi in generale. Nulla di insuperabile a questa età.
      Se desidera avere maggiori informazioni o un appuntamento mi può scrivere o chiamare al numero 3319122998.
      Un caro saluto
      TC

  • Adriana

    Buongiorno dottoressa, vorrei fare una domanda. Credo che mio marito abbia un tic nervoso. Ma non so se può dipendere da un disturbo di natura psicologica. Cosa ne pensa?

    • teresa

      Buongiorno Adriana,
      I tic solitamente, escludendo fattori medici, possono dipendere da motivi di natura psicologici, sono molto semplici da trattare ed esiste un’alta efficacia di risoluzione.
      Se desidera fissare un appuntamento, anche Skype in questo periodo, mi può contattare al numero telefonico 3319122998.
      Saluti
      TC

  • Adele

    Buongiorno dottoressa, volevo farle una domanda. Io e mio marito siamo sposati da 1 anno e andiamo d’accordo. Solo che negli ultimi tempi sta succedendo che siamo sempre in tensione. Lui vuole un figlio e lo voglio anch’io. Purtroppo però non riusciamo ad averlo e tutto si sta trasformando in un calvario.
    Abbiamo fatto le analisi, tutto ok a lui ed anche a me.
    Col tempo però a causa di questo divismo così “problema” il rapporto tra noi è cambiato.
    Secondo lei la terapia strategica potrebbe aiutarci e donare un po’ di serenità alla coppia?
    Può riportare un po’ di tranquillità nel nostro rapporto?

    • teresa

      Cara Adele,
      Leggo adesso il suo messaggio.
      In momenti come questo la coppia deve essere supportata a restare necessariamente unita e complice, è un momento sicuramente difficile ma non impossibile da superare.
      Posso sicuramente darvi un sostegno, anche qualche incontro potrebbe bastare per suggerire delle dritte.
      Ci possiamo sentire al numero telefonico 3319122998 a partire da lunedì 21 ottobre perché al momento sono fuori.
      Un caro saluto
      TC

  • Vanna

    Buongiorno dottoressa, vorrei fare una domanda che forse sembrerà stupida, ma per me non lo è. Amo viaggiare, e ho sempre fatto qualche viaggio non appena ho avuto un po’ di tempo a disposizione.
    Prendo tutti i mezzi di trasporto, tranne la nave, ho sempre avuto paura della nave e del mare aperto.
    Oggi però sento il bisogno di fare una crociera, vorrei provare a realizzare questo piccolo sogno. Mi potrebbe aiutare?
    Se si, pensa che anche in poche sedute potrei affrontare questo timore?
    La ringrazio anticipatamente per la risposta.

    • teresa

      Buongiorno Vanna,
      La terapia breve strategica risulta particolarmente indicata per il trattamento delle svariate forme di paure, come ad esempio quella da lei descritta. Non esiste un numero preciso di sedute poiché il trattamento va adattato alla persona nella sua specificità ma tendenzialmente nell’arco di qualche seduta vengono costruiti insieme gli strumenti per superare la situazione temuta e, una volta affrontata la prima volta, tutte le altre verranno da sé. Di solito siamo al di sotto delle 10 sedute per la difficoltà da lei descritta.
      Posso aiutarla a superare questo limite, al momento farò studio per qualche altro giorno e poi non ci sarò fino al 21 ottobre. Mi dica lei se e quando preferisce fissare l’appuntamento, anche questa sera alle 19 ci sarebbe una disponibilità, in alternativa mi può chiamare al numero 3319122998.
      Un caro saluto
      TC

  • Maria Giovanna

    Buongiorno dottoressa, ho visto il suo sito e devo farle i complimenti perchè mi piace molto.
    Vorrei chiedere una cosa che riguarda la mia vita di coppia. Ho 50 anni e sono sposata da 25, ho 2 figli e vivo una vita abbastanza serena.
    Mio marito è sempre presente, anche con i bambini, ma a me ultimamente, mancano delle cose che si facevano un po’ di tempo fa: uscire la sera, andare in giro e vedere gli amici.
    Parlo con lui, ma mi risponde che non gli va, però non vuole che esca da sola.
    Ma io mi sento stanza della solita vita di casa..
    Cosa ne pensa lei, abbiamo bisogno di una terapia?
    La ringrazio.

    • teresa

      Cara Maria Giovanna,
      Leggo adesso il suo messaggio e le posso dire che c’è sempre margine di miglioramento in una situazione come questa. Non c’è una crisi di coppia ma una scarsa soddisfazione di alcune esigenze personali che però vanno rispettate per evitare crisi future.
      Si può lavorare anche su chi sente l’esigenza di venire, in questo caso lei e darle delle dritte per cercare di modificare la situazione.
      Se desidera ricevere maggiori informazioni mi può contattare al numero 331 9122998.
      Un caro saluto,
      TC

  • Sara

    Gentile Dott.ssa è da ormai una decina di anni che soffro di sintomi abbastanza particolari. Almeno dal mio punto di vista. Abbassamenti di pressione improvvisi, sbandamenti, vista annebbiata, nausea, tachicardia in metro quando è piena, fino a che lo scorso anno di notte ho un vero e proprio attacco di panico. Da li decido di rivolgermi a uno psicoanalista per capirne il significato. Dopo 6 mesi cambia poco e niente e decido di rivolgermi a un altro tipo di approccio dato che avevo problemi anche a livello relazionale. È da un mese che faccio la nuova terapia ma nonostante anche l’uso di farmaci ansiolitici ancora non vanno via del tutto i sintomi. Sento che manca qualcosa. Cosa mi consiglia?

    • teresa

      Buon pomeriggio Sara,
      Le suggerisco un breve percorso di terapia strategica, particolarmente indicato per la sua difficoltà. Con una media di 7 sedute solitamente si supera il problema. Può rivolgersi al centro di psicoterapia strategica di Roma a cui fa capo il Dottor Bartoletti oppure io sto seguendo i pazienti su Roma tramite Skype poiché al momento sono fuori e non riesco ad esserci di persona.
      Le lascio ugualmente il mio numero per informazioni: 331 9122998.
      Un caro saluto
      TC

  • Irene

    Buongiorno dottoressa ho un dubbio che vorrei chiarire.
    Ho un figlio che vive un momento particolare… spesso alza il gomito con gli amici e litighiamo per questo motivo.
    A scuola ha ottimi voti e anche a casa è educato con tutti e molto diligente.
    Il problema arriva il fine settimana, lui si trasforma, diventa un’altra persona, si ritira il sabato sera spesso ubriaco.
    Si sveglia alla domenica tardissimo e è scontroso e suscettibile.
    Non so più come fare, anche perché ora che è estate la cosa succede quasi tutti i giorni. Vorrei che questa commedia finisca il prima possibile..
    Secondo lei con la psicoterapia, sempre che lui sia d’accordo, potrei risolvere il problema?
    Ripeto è un bravo ragazzo, e non voglio più vederlo in quello stato.
    Irene

    • teresa

      Buongiorno Irene,
      Leggo adesso la sua richiesta.
      Se suo figlio è disponibile, può essere sicuramente utile fare qualche incontro per “modulare”questa polarizzazione tra la settimana e il weekend. Qualora non lo fosse, potreste ugualmente venire voi genitori per avere delle dritte comunicative su come agire indirettamente (terapia indiretta).
      Se desidera informazioni o per fissare un appuntamento mi può chiamare o scrivere al numero 331 9122998.
      Resto a disposizione,
      Saluti
      TC

  • Elvira

    Buonasera dottoressa, vorrei fare una domanda a lei che è esperta nel campo. Ho 43 anni e da un po’ di tempo avverto la necessità di dormire più volte durante il giorno. Fatte le analisi, è tutto ok, poi il mio medico di famiglia mi consiglia di prendere degli antidepressivi, che ad oggi non ho ancora preso, dicendo che con quelli le cose andranno meglio e che sarò più energica già dopo pochi giorni.
    Tengo a precisare che non mi sento depressa, ma solo stanca, anche se il mio medico mi dice che non sono molto forti questi medicinali, ho paura di prenderli. Lui è uno psicologo, ma vorrei un parere anche da lei, poiché ho letto di molte cose interessanti che organizza e di come affronta i vari problemi.
    Secondo lei è il caso di cominciare con gli antidepressivi o potrei scegliere anche un’altra strada, prima di prenderli?
    Cosa ne pensa?

    • teresa

      Buonasera Elvira,
      Leggo adesso la sua richiesta e, dal mio punto di vista, le suggerisco di provare altre strade prima della farmacologia, a meno che non sia strettamente necessaria.
      Se desidera mi può contattare telefonicamente e ne parliamo meglio per poterle dare qualche dritta.
      Saluti
      TC

  • Mary B

    Dottoressa Calenzo, sono una ragazza di 30 anni e vorrei chiedere una cosa per capire se c’entra qualche disturbo psicologico.
    Ho un ragazzo che voglio un mondo di bene, e penso che con lui mi sposerò tra qualche anno.
    Il fatto è che mi piacciono anche altri ragazzi e a volte ho delle storie con qualcuno, ma lui non sa niente.
    La cosa può sembrare strana, ma gli altri scopro che dopo un po’ non mi piacciono come lui, e ritorno sempre con il mio preferito.
    Secondo lei sono strana? Ho bisogno di parlare con lo psicologo?

    • teresa

      Buongiorno,
      Ho letto la sua richiesta.
      Naturalmente non sono nelle vesti di “giudice” , lei può fare ciò che sente nella sua vita relazionale. Come psicoterapeuta, le posso solo suggerire di chiedersi se questa modalità le sta bene o le crea qualche difficoltà, esempio senso di colpa, tristezza, insoddisfazione, ecc. Le coppie hanno un funzionamento tutto personale e, anche se non è oggettivamente onesto nei confronti del suo compagno, può darsi che lei abbia trovato un equilibrio soddisfacente di questo tipo.
      Se desidera confrontarsi in merito mi può contattare telefonicamente al numero 331/9122998.
      Saluti
      TC

  • Mariana

    Mi scusi dottoressa, sono capitata per caso sul sito navigando in rete.
    Vorrei chiederle se è vero che la terapia strategica breve può aiutare anche in casi di invalidità, per i portatori di handicap.
    Lei cosa ne pensa?

    • teresa

      Cara Mariana,
      Leggo adesso la sua richiesta.
      Non so se ha letto proprio questo sul sito, non lo gestisco direttamente io ma può aiutare a sostenere la persona con invalidità rispetto ai vissuti emotivi connessi con il problema di invalidità (ansia, rabbia, depressione, ecc.).
      Se desidera ricevere maggiori informazioni mi può contattare telefonicamente al numero 3319122998.
      Saluti
      TC

  • Annamaria

    Buongiorno dottoressa, vorrei farle una domanda. Navigando su internet sono finita sul suo sito che ho trovato molto ben fatto.
    Prima di prendere un appuntamento con lei, vorrei sapere cosa ne pensa di un mio problema, o se è un problema.
    Ho 45 anni, non sono in menopausa, sto bene dal punto di vista della salute. Non sono neanche fidanzata…perché mi sento lontana dal modo di pensare del mio paese, in provincia di Matera. Non sono depressa e nemmeno alla ricerca di un uomo da sposare come fanno le mie amiche da queste parti.
    Qualcuno pensa che sia un po’ strana, ma io credo che non sia arrivato il mio momento, non mi piacciono gli uomini che incontro.
    C’è chi dice che di questo passo resterò da sola.
    Secondo lei ho un disturbo mentale?
    Dovrei legarmi a qualcuno anche se non provo sentimenti forti…
    chiefo un suo parere da psicologa e da donna.

    • teresa

      Buongiorno,
      Ho letto la sua richiesta.
      Naturalmente non rappresenta un problema psicologico la sua situazione. Il mio suggerimento è quello di potersi concedere qualche incontro unicamente per fare chiarezza dentro sé, se si sente appagata, se vorrebbe costruire altro, se ci sono esigenze che non sta rispettando, anche in una situazione individuale e non necessariamente di coppia.
      Se lo desidera mi può contattare al numero 331 9122998.
      Un caro saluto,
      TC

  • Marinunzia

    Buonasera dottoressa, spulciando su Internet sono arrivata sul suo sito. E colgo l’occasione per porle una domanda importante alla quale ancora oggi nessuno sia medici che psicologi non hanno dato risposta .
    Sono sposata da 5 anni e sono molto innamorata di mio marito, come lui di me.
    Entrambi vorremmo un figlio, penso sia naturale, ma nonostante ci proviamo da diversi anni, non riusciamo ad averlo.
    Abbiamo provato tante strade, ma senza avere successo.
    Nessuno di noi, analisi alla mano, ha un disturbo particolare, abbiamo proprio fatto tantissime analisi, per capire se io o lui avevamo difficoltà nel concepire.
    Risultato, tutto nella norma.
    Ora dopo una serie di tentativi ci hanno consigliato 2 strade, fare una cura ormonale o/e farci seguire da uno psicologo a Matera.
    Secondo lei divremmo seguire questo consiglio? Cioè fare l’una e l’altra cosa?
    Premetto che io personalmente sono contraria alle cure ormonali.
    Mi potrebbe dare un parere da esperta psicologa, che ne pensa?

    • teresa

      Buon pomeriggio Marinunzia,
      Leggo adesso la sua richiesta, questo campo è ancora oggi oggetto di studio, sicuramente è possibile intervenire su aspetti psicologici per favorire da questo punto di vista il concepimento. Se desiderate, possiamo sentirci telefonicamente e valutare.
      Lascio il mio numero, 331-9122998.
      Un caro saluto
      TC

  • Francesca

    Buongiorno dottoressa, vorrei porle una domanda particolare.
    Ho un ragazzo che quest’anno finisce la terza media e sta per fare gli esami.
    Io e mio marito gli abbiamo promesso un regalo quando terminerà la scuola dell’obbligo, ma ora abbiamo un po’ paura sinceramente.
    Abbiamo infatti promesso che quando terminava gli esami per passare al Liceo gli avremmo regalato un piccolo scooter. Lui ci tiene tanto e si è anche impegnato moltissimo per averlo.
    Ma ora soprattutto io, ho un po’ paura a comprarlo, non per lui, che è un ragazzo abbastanza giudizioso e sveglio, ma per ciò che si sente in giro.
    Secondo lei cambiando regalo, come portebbe reagire? Sbagliamo? O facciamo bene ad agire in questo modo?
    Potrebbe avere delle ripercussioni a livello psicologico?
    Sarebbe opportuno un suo parere.

    • teresa

      Buongiorno,
      Leggo adesso la richiesta.
      Capisco la preoccupazione ma naturalmente se non manterrete la promessa c’è la possibilità che lui possa rimanerci male. In caso contrario, le ripercussioni a livello psicologico non sono necessariamente una minaccia dietro l’angolo.
      Se ha difficoltà di gestione della situazione mi può contattare telefonicamente, il mio numero è 3319122998.
      Un caro saluto.
      TC

  • Carmela

    Mi scusi dottoressa, ho un dubbio che vorrei sciogliere…Sono un po’ sovrappeso e non riesco a tornare anche facendo le diete al mio peso forma.
    Secondo lei può essere un problema mentale il mio..?
    Carmela

    • teresa

      Buon pomeriggio Carmela,
      La difficoltà descritta può essere trattata efficacemente con un percorso di terapia breve strategica, solitamente sono le strategie fallimentari che utilizziamo che, oltre a non risolvere il problema, lo complicano. Quindi, bloccare e sostituire quelle soluzioni inefficaci potrebbe in qualche incontro aiutarla a ritrovare un suo equilibrio.
      Se desidera maggiori informazioni mi può contattare al numero 3319122998.
      Un caro saluto
      TC

  • Marcella

    Buongiorno dottoressa, sono a scrivere in questa pagina per cercare di risolvere, se possibile, una situazione un po’ ambigua che sto attraversando.
    Ho 29 anni e vivo da due anni una relazione con due ragazzi diversi. Sono innamorata di tutti e due, e so che prima o poi dovrò scegliere, ma non ce la faccio. Li adoro entrambi e penso che se lasciaro’ uno dei 2 andrà comunque male con l’ altro…
    Per me sono sicura che sarà un trauma, forse la vita di coppia mi spaventa.
    Lavoro a Matera ma vengo dalla provincia.
    Secondo lei ho bisogno di un aiuto?
    Ho letto sul sito web che usa una terapia nuova…potrebbe essere utile nel mio caso?

    • teresa

      Buon pomeriggio Marcella,
      Leggo adesso la tua richiesta. Non sono nella posizione di giudicare la tua vita affettiva ma solo di aiutarti a vivere più serenamente. Se senti di provare difficoltà a gestire questa relazione doppia posso aiutarti. Mi puoi contattare al numero 3319122998 e fissare un appuntamento.
      Un caro saluto,
      TC

  • Mariateresa

    Buongiorno dottoressa Calenzo, ho 19 anni e vorrei avere un consiglio.
    Da qualche giorno è iniziata l’estate e con queste temperature è già iniziato il via vai per il mare nel weekend.
    Premetto che a me piace il mare e trascorrere le giornate con gli amici.
    Ma c’è una cosa di cui mi vergogno tanto.
    Non è forse grave, ma il fatto di farmi vedere in costume mi inibisce molto.
    Mi spiego. Non sono grassa, ma non riesco ad accettare le imperfezioni del mio corpo.
    E ogni anno ricado nello stesso errore.
    Poi se qualcuno mi guarda, allora comincia il panico. Mi sento come se mi stiano analizzando da cima a fondo.
    Secondo lei, come faccio a non pensare a questa paura? Sono strana?
    C’è un modo per modificare la mia condizione?

    • teresa

      Cara Mariateresa buongiorno,
      Se la tua paura o disagio ti creano tanta difficoltà io ti suggerisco di fare qualche incontro in modo da “smontarla”un po’. Se invece è solo una percezione che dura poco e poi passa subito allora puoi anche evitare. Purtroppo non si può “non pensare alla paura”, servono indicazioni specifiche per imparare a gestirla. Le paure funzionano un po’al contrario: più le scacci e più ti rincorrono. Se desideri resto a disposizione per chiarimenti e, se deciderai, per fissare un incontro insieme. Un caro saluto.
      TC

  • Vanna

    Buonasera dottoressa, ho da porle una domanda importante…
    Da poco mi sono lasciata con il mio compagno. Premetto che le cose non andavano bene già da un annetto, ma ci trascinavamo la situazione senza prendere una decisione ne uno e ne l’altra.
    Forse doveva finire. Ma la cosa strana è che da quando ci siamo lasciati non penso tanto a lui ma al cibo.
    Mangio tanto e devo dire anche molto male, ad orari strampalati, tipo di notte.
    Secondo lei c’è bisogno di una terapia per smettere con questa situazione? Ho un disturbo psicologico?

    • teresa

      Buongiorno Francesca,
      Il rapporto con il cibo in questo momento potrebbe essere collegato alla fine della relazione, non necessariamente per questo si è strutturato ancora un problema psicologico. Tuttavia, dal mio punto di vista, conviene lavorarci preventivamente con qualche seduta, soprattutto se sente di non riuscire a gestire la situazione e il rapporto con il cibo, subendolo.
      Mi può contattare telefonicamente, anche solo per ricevere informazioni, al numero: 3319122998.
      Un caro saluto
      TC

  • Anna

    Buongiorno dottoressa, vorre farle una domanda sul comportamento di mia figlia.
    Ha 8 anni e di solito è una bambina molto vivace sia a casa che a scuola.
    Nelle ultime settimane però è molto cambiata. Alcune volte la vedo pensierosa e anche un po’ seccata se cerco di avvicinarmi.
    Non succede sempre ma solo in alcuni giorni.
    Ho pensato tante cose e ho provato anche a chiederglielo, ma se le faccio queste domande non mi rivolge parola.
    Ho il timore che questa situazione peggiori sempre di più.
    Ho paura anche che sia stata molestata, mi aiuti lei, cosa posso fare? È il caso di sentire il parere di uno specialista?

    • teresa

      Buongiorno Anna,
      Potrebbe essere un semplice momento transitorio legato alle emozioni della fase di crescita oppure, come ipotizza lei, qualcosa che desta preoccupazione/tensione/irritabilità in sua figlia.
      L’ideale sarebbe sentirci un momento telefonicamente e valutare un eventuale intervento.
      Saluti,
      TC

  • Delia

    buonasera dottoressa, ho sentito parlare molto bene della terapia breve strategica e vorrei sapere se accoglie i pazienti anche in zona di Novasiri o Policoro.
    grazie

    • teresa

      Buonasera,
      Leggo adesso la sua richiesta, al momento ho sede solo a Matera, con molta probabilità coprirò anche la sua zona appena possibile.
      Se desidera ricevere informazioni mi può contattare al numero 3319122998.
      Saluti,
      TC

  • Francesca

    Buonasera dottoressa. Vorrei porle una domanda..
    Ho trovato questo spazio sul suo sito e ho pensato che poteva aiutarmi. Sono mamma di un figlio di 13 anni che ormai vive quasi esclusivamente appiccicato al suo cellulare. E’ un ragazzo svegli e intelligente, ma negli ultimi mesi vive sempre attaccato al suo telefono, a tavola, in salotto, persino quando porta il cane fuori.
    E’ ossessionato dal telefonino. Sono molto preoccupata, e per questo le chiedo se il suo aiuto potrebbe essere utile.

    • teresa

      Buongiorno Francesca,
      Il comportamento da lei descritto desta preoccupazione in molte mamme, spesso non si riesce ad intervenire o non si sa come farlo.
      Il cellulare è diventata quasi un’estensione corporea dei giovani che purtroppo tendono ad abusarne ma molto spesso non lo riconoscono come “problema”. Mi servirebbe avere ulteriori informazioni per valutare. Se desidera mi può contattare telefonicamente al numero 331 9122998.
      Buona giornata
      TC

  • Tina

    Buonasera dottoressa, sono una donna di 52 anni le voglio chiedere un consiglio su un’impressione mia personale.
    Da quando ero piccola ho sempre fatto attività fisica, e ancora oggi cerco di fare sport nei momenti liberi.
    Premetto che peso 52 kg e sono alta 1 metro e 70 circa.
    Fisicamente sto bene e mi mantengo abbastanza in forma..e anche con l’alimentazione faccio molta attenzione.
    Mentalmente,invece, comincio a avere dei dubbi.
    Da un po di tempo, infatti, non mi vedo più come prima, come se il mio fisico non mi piace più come mi piaceva una volta.
    Eppure non è cambiato dall’anno scorso…
    Ma mi sento diversa e quando mi vedo allo specchio non riesco a vedere la stessa persona di qualche tempo fa.
    Secondo lei posso soffrire di qualche problema psicologico, e se si c’è un modo per stare meglio.
    Questa cosa per me è di vitale importanza, mi compromette l’umore che di solito è stato positivo e mi ferisce tanto, da farmi arrivare quasi all’ansia.
    Mi può aiutare?c’è qualcosa che potrei fare per migliorare questa idea di me stessa?
    Sono arrivata sul suo sito che ho trovato molto interessante, e leggendo tra le pagine sono rimasta colpita dal modo in cui si esprime. Lo trovo molto chiaro e diretto.
    Grazie per la sua opinione

    • teresa

      Buonasera Tina,
      Ho letto la sua richiesta e le propongo di sentirci telefonicamente per valutare bene la situazione e poi eventualmente fissare un appuntamento insieme.
      Se l’immagine di sé stessa le sta creando qualche difficoltà può avere un significato, dobbiamo verificarlo. Sente di avere dei difetti inaccettabili? Sente di dover fare i conti con un corpo diverso (ma non per questo meno attraente) di un corpo più giovane?
      Se la turba tanto quasi da farla arrivare ad una reazione ansiosa potrebbe essere utile fare qualche incontro insieme per ritrovare un equilibrio appagante tra sé e la sua visione del corpo.
      Mi può contattare se desidera al 331-9122998.
      Un caro saluto,
      TC

  • Vanna

    Buonasera dottoressa, ho da porle una domanda su mio figlio . E’ un ragazzo molto attivo, ha 14 anni e fa anche sport, ma ultimamente tende un po’ ad ingrassare, ed è diventato più pigro del solito.
    Ora so che lei non è una nutrizionista, ma la cosa che volevo chiedere è un’altra.
    Nel mangiare è diventato molto svelto e vorace, a volte sembra che non mangi per fame ma per ingordigia.
    Negli ultimi tempi lo vedo più silenzioso e un po’ scontroso rispetto a come era prima.
    So benissimo che è un’età particolare, se le faccio questa domanda però, dipende dal fatto che sono preoccupata per lui.
    Secondo lei potrebbe avere un problema psichico, il fatto che mangi così tanto lo porta spesso a sentirsi male…
    Se cerco di interromperlo mentre sta mangiando, sono guai.
    Per lei può essere normale, in questa fase della crescita un atteggiamento del genere? o devo darmi da fare per trovare una soluzione?

    • teresa

      Buongiorno,
      L’adolescenza è per definizione un periodo turbolento di vita e va gestito senza necessariamente “patologizzare” i ragazzi ma fornendo loro delle linee guida. L’alimentazione incontrollata può rappresentare anche il sedativo di qualche emozione che non ci piace o il sostituto di piaceri che non abbiamo costruito. Dovrei conoscere il ragazzo per definirlo ma intanto, se desidera, mi può contattare telefonicamente al numero 3319122998 e ci confrontiamo un momento.
      Un caro saluto,
      TC

  • Raffaella

    Buonasera dottoressa, sono una studentessa Universitaria e vorrei chiederle una cosa che spero di poter risolvere con il suo aiuto. Non sono una persona ansiosa, non lo sono mai stata, però da un po’ di tempo mi capita una cosa strana.
    Quando mi devo preparare per un esame non sono agitata ne nervosa, e nemmeno quando sta per arrivare l’ora fatidica del mio turno.
    Anche ai tempi del Liceo ho sempre cercato di fare le cose prima degli altri proponendomi volontaria alle interrogazioni.
    Mai un ripensamento, sempre tranquilla e decisa.
    Stessa cosa all’università. Solo che da qualche mese mi succede che appena mi siedo per fare un esame inizia a salire un angoscia inaspettata che mi blocca, creandomi non poche difficoltà anche per ricordare gli argomenti studiati.
    Ripeto, di solito non sono un tipo ansioso e non lo sono mai stata, ma questo cambiamento proprio non lo riesco a capire. Così tutto a un tratto. Secondo lei può essere un disturbo mentale, un attacco di panico improvviso o qualcos’altro?
    Devo curarmi?

    • teresa

      Cara Raffaella,
      Più che “curarti”io direi “sbloccarti”. Non sempre si tratta di un disturbo ma semplicemente di un meccanismo che si è innescato che ti impedisce di vivere in modo sereno gli esami, al di là del tuo essere una persona più o meno ansiosa. Se lo desideri, ci possiamo sentire telefonicamente per spiegarmi un po’meglio la situazione e fissare un appuntamento insieme, ci si può lavorare in modo efficace e rapido.
      Ti lascio il mio numero:
      3319122998.
      Un caro saluto,
      TC

  • Maria

    Buongiorno dottoressa, volevo chiedere un consiglio su uno stato d’animo mio personale.
    Ho 40 anni e non ho mai avuto necessità di avere un armadio pieno di vestiti, anzi.
    Sia chiaro a me piace vestirmi bene.
    Ma ciò che mi succede adesso è difficile da spiegare.
    Negli ultimi mesi quello che mi sta succedendo è che, camminando per strada se noto scarpe, o vestiti, o borse che mi piacciono le voglio comprare assolutamente e subito per paura di perderle.
    Spesso lascio anche dei conti in sospeso ai negozi pur di portare a casa le cose acquistate.
    Cosa ancora più strana che quando poi le vedo a casa molte volte non le indosso nemmeno. E non mi fanno la stessa eccitazione di quando invece sono esposte in negozio.
    Secondo lei può essere una malattia mentale?, posso guarire da questa cosa?
    Anche perché è diventato un problema per le mie finanze e mio marito non ne può più di vedermi così…
    So che è una psicicologa molto preparata.
    La ringrazio anticipatamente per il suo parere.

    • teresa

      Buongiorno Maria,
      Leggo adesso la sua richiesta.
      Solitamente la caratteristica che definisce quando un comportamento è disfunzionale è la sua irrefrenabilitá e la sensazione di non avere la situazione sotto controllo, di esserne vittima. Bisogna anche valutare se lo shopping compulsivo rappresenta una fonte di piacere che non si ha altrove.
      Detto ciò, la bella notizia è che si può superare. La psicoterapia breve strategica è un valido aiuto in tal senso ed è una tipologia di approccio molto pragmatico e orientato alla soluzione del problema in tempi non molto lunghi.
      Se desidera ricevere maggiori informazioni mi può contattare telefonicamente al numero 3319122998 e fissare eventualmente un appuntamento insieme.
      Buona giornata,
      TC

  • Tonia

    Buongiorno dottoressa Calenzo, sono a scrivere un commento perché vorrei un consiglio su un comportamento ormai diventato fisso da parte di mio marito.
    In pratica ogni volta che gli chiedo di uscire per fare 2 passi alla domenica, una pizza al sabato sera, o una passeggiata, mi dice sempre che non gli va…
    Eppure fino a poco tempo fa tutte le domeniche facevamo sempre una passeggiata al mattino, al sabato mi aiutava con la spesa e a fare altri servizi…Adesso, invece, vuole restare sempre a casa, ma non capisco perché.
    Secondo lei questo cambiamento psicologico da cosa nasce?
    Lui mi dice che non vuole vedere la confusione e che non gli piacciono più i luoghi troppo affollati. Anche al supermercato, la spesa la possiamo fare solo in orari in cui non troviamo quasi nessuno.
    Perché se inizia a vedere un po’ di gente si irrita.
    A lei cosa sembra? Mi devo preoccupare?
    Può essere ansia, depressione, o qualche altra cosa inerente alla sua mente che si rifiuta di fare alcune azioni?
    Lui mi dice che è tutto ok, ma le assicuro che è cambiato moltissimo.

    • teresa

      Buongiorno Tonia,
      Da ciò che mi scrive, potrebbe esserci la possibilità che suo marito abbia sviluppato una percezione ansiosa quando si trova ad affrontare alcune situazioni quotidiane anche semplici come il supermercato. Nulla di insuperabile ma deve essere lui in prima persona a sentire di essere in difficoltà e richiedere un aiuto. Se lo desidera, mi può contattare telefonicamente al numero 3319122998 per spiegarmi meglio la situazione e valutare come poterle dare una mano.
      Un caro saluto,
      TC

  • Marina

    Buongiorno dottoressa, vorrei chiedere una cosa sulla mia situazione attuale.
    Ho passato un periodo di forte ansia durato più di due anni. Oggi non sto male come prima ma quando rivivo certi momenti ricado di nuovo in questo problema.
    La mia domanda è: la terapia strategica mi potrebbe aiutare a vivere più tranquilla?anche in certi momenti che non riesco a togliere dalla testa.
    Nel caso ci fosse bisogno potremmo anche vederci. Da come me ne hanno parlato so che lei è una brava psicologa a Matera. Una buona domenica.

    • teresa

      Buonasera Marina,
      Le confermo che la terapia breve strategica può essere indicata ed efficace per la difficoltà descritta.
      Solitamente si tratta di un percorso pragmatico e focalizzato sul presente, l’obiettivo è quello di ripristinare o costruire ex novo un equilibrio personale soddisfacente e sereno attraverso degli strumenti che permettono di gestire /evitare le “ricadute”, come in questo caso.
      Mi piace dire ai miei pazienti che: se possono vivere al 80/90% delle loro possibilità e della loro serenità, perché restare al 30%? Si può cambiare, sempre.
      Se desidera mi può contattare telefonicamente al numero 3319122998 per avere ulteriori informazioni, di solito svolgo un breve primo colloquio telefonico per poi fissare il nostro primo appuntamento insieme.
      Resto a disposizione,
      Buona serata e un caro saluto.

  • Sara

    Buongiorno, approfitto della sua professionalità. Ho da porle una domanda.
    Sono una donna di 55 anni, e da un po’ di tempo penso di avere una specie di mania per la polvere.
    Mi spiego, pulisco la casa da cima a fondo sempre, ma quando finisco di farlo penso di non aver pulito abbastanza, e ritorno punto a capo a ripulire come se non lo avessi fatto..
    Secondo il suo parere potrei soffrire di qualche patologia psicologica? Se si come posso cambiare le cose?
    Esiste una terapia anche per questi problemi?

    • teresa

      Buongiorno Sara,
      Solitamente questa difficoltà rientra nel disturbo ossessivo compulsivo ma è tranquillamente possibile superarlo. La terapia breve strategica ha un’efficacia solitamente molto alta nel trattamento di questa problematica e, in tempi brevi, si può ritrovare un equilibrio soddisfacente e non sentirsi più costretti a dei comportamenti ripetitivi e stancanti.
      Se lo desidera, mi può contattare telefonicamente per ulteriori delucidazioni e fissare un appuntamento.
      Un caro saluto,
      TC

  • Anna

    buona sera dottoressa , vorrei chiedere, se possibile, un consiglio.
    Ho una figlia di 2 anni che non parla, o al massimo si esprime con piccole sillabe. Sono stata dal pediatra e mi ha tranquillizzato dicendomi che la bambina non ha problemi organici.
    Quello che le chiedo è: secondo la sua esperienza devo preoccuparmi, o posso stare tranquilla? Devo aspettare ancora, o darmi da fare per trovare una soluzione adesso?
    Non vorrei che la bambina avesse qualche disturbo di tipo psicologico, non riscontrabile, e che la cosa mi sfuggisse di mano…
    Lei cosa mi consiglia?

    • teresa

      Buongiorno Anna,
      Per darle qualche dritta dovrei avere qualche informazione in più. Anche se non mi occupo specificamente di infanzia, posso fornirle dei suggerimenti e indirizzarla. Se lo desidera, mi può contattare telefonicamente al 331-9122998.
      Un caro saluto,
      TC

  • Carla

    Dottoressa le scrivo per trovare, spero, una strada giusta per salvare il mio matrimonio.
    Sono sposata da circa 30 anni e quando l’ho fatto ero felice di intraprendere una esperienza con l’uomo che ritenevo l’unico vero amore della mia vita.
    In seguito, dopo alcuni anni, quel rapporto che c’era è cambiato completamente. Si, lo so, sono consapevole che il rapporto di coppia non è mai lo stesso e che col tempo può cambiare. Ma se le scrivo è perchè sono arrivata proprio ad un bivio, a adesso mi sento di dover fare una scelta, anche se potrà essere dolorosa per entrambi.
    Non avrei mai pensato di poter avere dubbi sul nostro rapporto. Ma oggi ce li ho e sono anche tanti.
    Le chiedo dunque se da esperta psicologa potrebbe aiutarmi a superare questo momento e riportare le cose tra me e mio marito come erano un volta.
    Ho letto nel sito che utilizza una nuova terapia, può funzionare anche per il mio caso?
    La ringrazio per la risposta che spero mi darà a breve.

    • teresa

      Buongiorno Carla,
      Riesco a rispondere solo adesso alla sua richiesta.
      È possibile lavorare con l’approccio breve strategico sulla difficoltà da lei descritta. È possibile fare luce insieme su ciò che le sta causando sofferenza e lavorare per raggiungere una posizione personale e di coppia più appagante.
      Se lo desidera, per avere maggiori informazioni e fare un breve colloquio telefonico mi può contattare al numero 331-9122998.
      Un caro saluto,
      TC

  • Eliana

    Salve, sono una signora di 50 anni e volevo chiederle un consiglio da esperta in materia.
    Da un po’ di tempo sto notando di avere quasi una fissazione per la pulizia. Cerco continuamente di tener pulita la casa in ogni angolo. Spesso arrivo anche a litigare, per questo motivo, con mio marito e con le mie figlie. E poi mi rendo conto di reagire in maniera esagerata su molte cose.
    Non so cosa mi sta succedendo, ma vorrei un parere da uno psicologo per fare chiarezza su questo momento della mia vita.

    • teresa

      Buongiorno Eliana,
      Si potrebbe trattare di un disturbo ossessivo compulsivo legato all’ordine e alla pulizia. Tuttavia, non amo fornire “diagnosi”, piuttosto aiutare le persone a risolvere il problema. La tipologia di approccio che seguo è particolarmente indicata per la difficoltà da lei descritta. Ci si può lavorare in modo efficace e in tempi non troppo lunghi.
      Se lo desidera, per avere maggiori informazioni mi può contattare al numero 331-9122998.
      Un caro saluto,
      TC